Il Blog di Livia Turco

www.liviaturco.it



Categoria: Documenti

Casa, cultura e lavoro per l’integrazione

22 Ottobre, 2017 (09:59) | Documenti | Da: Redazione

Relazione di Livia Turco al Convegno Sidief,  Banca d’Italia , 18 ottobre 2017

Il tema di questo convegno è molto importante perché affronta una questione  cruciale per ogni persona, italiana o immigrata , e per la nostra comunità : l’accesso alla casa.

 E’ altrettanto meritevole di sottolineatura il fatto che il convegno e le ricerche preparatorie si siano soffermate su quegli immigrarti di cui non parla nessuno che sono i cinque milioni di persone regolarmente presenti sul nostro territorio, che lavorano, studiano, pagano le tasse, versano i contributi Inps, aiutano il nostro welfare. Quegli immigrati che come dicono tutti i dati, a partire dalle tasse versate e dai contributi pagati, dai lavori svolti,  considerando anche il  loro attaccamento e culturale e sentimentale con  nostro paese, sono una ricchezza e ci aiutano a vivere meglio.

La vostra ricerca ci dice che la casa è un fattore di grande precarietà per le persone immigrate a fronte di un loro desiderio e di una loro propensione ed impegno ad essere inseriti pienamente nella nostra  società rispettando i suoi valori e le sue regole.

AFFITTO TROPPO COSTOSO

SOVRAFFOLLAMENTO

PRECARIETA’ ALLOGGIO

QUALITA’ DELL’ALLOGGIO

CONCENTRAZIONE IN DETERMINATI QUARTIERI INDOTTI DA FATTORI ESTERNI E NON PER SCELTA

DISCRIMINAZIONI

MANCANZA DI UNA POLITICA PUBBLICA RELATIVA ALL’EDILIZIA SOCIALE SIA PER ITALIANI CHE PER IMMIGRATI.

LA STRETTA CHE E’ INTERVENUTA NELLA CONCESSIONE DEI MUTUI.

Va ricordato che per quanto riguarda gli alloggi  di edilizia residenziale pubblica messa a disposizione dai Comuni , mentre la partecipazione ai bandi da parte degli immigrati è pari al 50% degli italiani  la quota si riduce nel momento dell’assegnazione dell’alloggio .Gli alloggi assegnati agli immigrati sono in percentuale più bassa rispetto al numero di immigrati residenti in quel quartiere. Ciò è dovuto al fatto che il punteggio che sta alla base delle graduatorie tiene maggiormente conto dei profili delle famiglie italiane.

COSA PREVEDE LA NOSTRA LEGISLAZIONE

La legge 40/98- Turco Napolitano  al Capo terzo, articolo 40 prevede disposizioni in materia di alloggio ed assistenza sociale. Punta in particolare sulla costituzione dei Centri di Accoglienza per organizzare la prima accoglienza; prevede  l’accesso alla edilizia popolare e sociale prevista dalle Regioni e dai Comuni. Prevedeva inoltre la concessione di contributi da parte delle Regioni  ai Comuni o ad enti morali  privati e pubblici che intendevano ristrutturare  alloggi da destinare all’affitto  per  persone immigrate regolarmente soggiornanti. Tale articolo fu poi abrogato dalla Bossi Fini. All’articolo 43 comma 2 lettera c  la legge 40/98  (diventata poi Dgl 286) considera discriminatorio il comportamento di chi illegittimamente impone condizioni più svantaggiate o si rifiuta di fornire accesso all’alloggio allo straniero regolarmente soggiornante ,in ragione della sua condizione di straniero o di appartenente ad una determinata razza, religione , etnia, nazionalità. Contro questi tipi di atti di discriminazione è prevista una specifica tutela giurisdizionale: l’azione civile contro la discriminazione ex articolo 44 del Testo Unico sull’ immigrazione (Dgl286/98).

La legge 189/2002 , Bossi-Fini subordina l’accesso alle misure di integrazione sociale al possesso del permesso di soggiorno di durata biennale con regolare contratto di lavoro. E’ questo il requisito per poter accedere agli alloggi di edilizia pubblica. Sono escluse le persone iscritte all’ufficio di collocamento. La legge prevede altresì che il datore di lavoro che stipula un contratto di lavoro debba farsi carico di trovare un alloggio al  lavoratore immigrato il cui costo verrà decurtato mensilmente dallo stipendio del lavoratore medesimo.

Il recente  PIANO PER L’INTEGRAZIONE E LA CONVIVENZA  DEI RIFUGIATI E RICHIEDENTI ASILO  proposto dal Ministro Minniti  contiene anche qualche disposizione sulla casa.

Le cito “ Includere i rifugiati e richiedenti asilo verificando anche la possibilità’ di includerli negli interventi di edilizia popolare e di sostegno alla locazione. Incentivare fin dalla fase dell’accoglienza l’avvio di percorsi volti a favorire iniziative di caobitazione,  affitti condivisi, condomini solidali come pure la sperimentazione di pratiche di buon vicinato. Prevedere programmi di intervento sociale per rispondere alla complessità relativa agli insediamenti informali nei centri urbani stabilendo procedure di accompagnamento alla fuoriuscita anche attraverso la ricognizione di edifici pubblici in disuso da destinare all’abitare sociale”.

Si tratta di un importante passo in avanti.

Ma, il Piano nazionale per le politiche di integrazione dovrebbe essere prassi normale e riguardare tutte le persone immigrate, tanto più quelle stabili, con lavoro, per studio, con famiglia. Come avviene in molti paese europei.

L’articolo 3 della legge 40/98 lo prevede in modo chiaro: Governo e Parlamento con i Comuni e le parti sociali devono elaborare  un programma triennale sulle politiche migratorie che valuti il fabbisogno di immigrati da parte della nostra economia , la sostenibilità sociale dell’immigrazione, le politiche di integrazione necessarie per dare coesione, serenità e sicurezza al nostro Paese.

Questo articolo, tutt’ora in vigore  è stato applicato solo nel 1998 .con un relativo Fondo nazionale per le politiche di integrazione . Poi l’articolo 3 pur in vigore è caduto nel dimenticatoio. Il fondo Nazionale cancellato. A  conferma che le politiche di integrazione non sono mai state considerate dai governi che si sono succeduti una componente importante del governo dell’immigrazione. Che ha sempre avuto una impostazione emergenziale, tanto più grave ed incomprensibile a fronte del carattere strutturale della presenza degli immigrati. Affidando le politiche di integrazione ai Comuni, alle associazioni, alla società civile ed al mondo economico.

PROPOSTA: COSTRUIRE  UN  WELFARE DELLA  SICUREZZA e DELLA CONVIVENZA  che coinvolga italiani ed immigrati.

Un welfare  che vada incontro alle persone attivando percorsi differenziati per intercettare e coinvolgere i gruppi più vulnerali che solitamente sono i più bisognosi ma anche quelli che restano esclusi dalle politiche pubbliche di sicurezza sociale. Praticare ” l’universalismo selettivo “ che non è un ossimoro ma una pratica reale dell’universalismo. Attivare percorsi  differenziati tenendo conto delle peculiarità dei bisogni delle persone.  Vanno evitate” politiche specifiche”  verso gli immigrati perché  esse alimentano la contrapposizione tra soggetti deboli ed immigrati. Bisogna attivare politiche mirate per superare le discriminazioni e favorire l’integrazione di tutti i gruppi sociali, compresi gli immigrati.

La nostra legislazione prevede parità di diritti tra italiani ed immigrati per quanto attiene l’educazione, l’accesso alle cure, l’accesso ai servizi sociali. Non  dà adeguata attenzione  al problema della casa.

Anzi vi è  il paradosso che per accedere alla casa devi essere in condizioni di regolarità quando questa regolarità è resa difficile proprio dalla carenza delle politiche pubbliche.

Bisogna puntare  come voi indicate  su nuove politiche sociali per la casa: favorire gli affitti; favorire l’accesso ai mutui; ridurre il costo degli affitti; ridurre la burocrazia per contrarre un mutuo.

L’esperienza delle politiche di integrazione e convivenza realizzate nel nostro paese ed in Europa suggeriscono  che bisogna evitare la concentrazione della popolazione migrante in determinati quartieri o caseggiati; bisogna promuovere l’accoglienza e la residenza diffusa; questo favorisce la mescolanza tra italiani ed immigrati, favorisce il dialogo e l’interazione nella vita quotidiana.

Bisogna puntare su un modello di CONVIVENZA  MITE   basato sul superamento delle discriminazioni, sull’inclusione sociale e culturale attiva, che punti al   superamento delle distanze tra italiani ed immigrati,  favorisca la fatica del conoscersi e riconoscersi, la condivisone di azioni quotidiane nel proprio quartiere o contesto di vita, la ricerca di obiettivi comuni e condivisi per quanto riguarda la vita nella propria comunità , dal quartiere alla nazione,  solleciti a costruire alleanze per vivere meglio nella propria comunità. Bisogna far sentire la persona immigrata, parte della comunità, soggetto della Polis con diritti e doveri.

Per questo la riforma della nostra legge sulla cittadinanza, la 91/92 , tutta  incentrata sullo ius sanguinis e lo ius connubi, grazie alla  quale la cittadinanza si acquisisce  solo per discendenza  o attraverso il matrimonio , va temperata con l’introduzione dello ius soli e lo ius culturae  per i giovani.

Per questo vanno promosse tutte le forme possibili di partecipazione attiva in particolare dei giovani, dallo sport, al servizio civile, alla promozione culturale e vanno estesi, con particolare attenzione alle donne , i corsi di lingua e cultura italiana.

L’accesso alla casa  può favorire,  anzi e’ determinante per favorire questa pacifica  convivenza.

Le politiche sociali in Italia. La loro storia, il loro futuro

24 Marzo, 2014 (12:36) | Documenti | Da: Redazione

La relazione di Livia Turco sulle politiche sociali svolta venerdi 21 marzo alla scuola dei giovani amministratori dell’Anci

La storia delle politiche sociali è recente.
Esse sono state inventate dalle persone, dalle famiglie,dai gruppi sociali che in prima persona vivono il disagio e la sofferenza; dai gruppi di volontariato, associazioni ed operatori che si sono  dedicati  a queste persone e famiglie per risolvere  i  problemi, alleviare le sofferenze, promuovere una presa in carico.

Le politiche sociali sono il frutto di una “creatività sociale”, nascono dalle persone e dai territori, nascono come risposta ad un problema, si avvalgono di un pensiero che è frutto della rielaborazione condivisa  delle esperienze di vita vissute.
Sono politiche “calde”, “creative” che richiedono un forte coinvolgimento personale.

Sul piano della politica esse possono essere definite politiche delle donne perché hanno trovato nelle donne le  interlocutrici più attente e che più si sono lasciate coinvolgere.
Questo non è avvenuto casualmente ma perché le politiche sociali richiedono una concezione e pratica della politica che mette al centro le persone, le relazioni con le persone e dunque la capacità di ascolto e condivisione che è propria della storia di genere femminile. Tale concezione e pratica della politica è oggi essenziale per ridare ad essa autorevolezza,credibilità,e renderla efficace.

Le politiche sociali sono state sempre considerate politiche minori. In realtà sono politiche eccellenti e di primordine perché la materia che trattano sono le persone e la loro finalità sono le persone medesime.

Leggi il testo integrale della relazione.

Per un governo dell’immigrazione efficace ed umano

26 Novembre, 2013 (17:27) | Documenti | Da: Redazione

Governare l’immigrazione in modo umano ed efficace, nel dibattito politico europeo ed italiano, in questo ultimo decennio,  suona come una  espressione contraddittoria . Come se umanità ed efficacia fossero tra loro incompatibili. In realtà, proprio l’esperienza italiana ed europea dimostrano che quando si sceglie una politica basata sul riconoscimento della dignità della persona, su una cittadinanza di diritti e doveri e quando si cerca una paritaria collaborazione con gli Stati da cui provengono i flussi migratori si riduce l’immigrazione clandestina e nelle nostre città si vive un clima di maggiore serenità e sicurezza.

Vorrei riflettere, in questo mio contributo, su come possono essere promosse e realizzate politiche dell’immigrazione che siano efficaci in quanto promuovono l’immigrazione regolare e legale ed umane in quanto riconoscono la piena dignità delle persone immigrate e favoriscono il loro inserimento attivo nella società. Requisito fondamentale per governare in modo efficace ed umano i flussi migratori è  valutare il loro impatto sulla sostenibilità economica e sociale  dei paesi ospitanti. Non si può entrare in un paese comunque ed in qualunque modo. Questo darebbe vita a conflitti sociali acuti e non garantirebbe una vita dignitosa a chi emigra. Regolare l’immigrazione per ragioni economiche significa selezionare i flussi di ingresso secondo requisiti che devono essere indicati  dalle istituzioni in modo chiaro e trasparente a partire dal criterio dell’utilità economica. Altra cosa è il diritto di asilo per chi fugge da guerre e conflitti. In questo caso l’unico criterio che vale è l’accoglienza in nome del valore universale della dignità della persona.

Livia Turco

Leggi la relazione integrale svolta a Lima (Perù) nell’ambito di un seminario internazionale sull’immigrazione.

Il Pd e gli immigrati. Ecco il nostro programma

8 Gennaio, 2013 (18:04) | Documenti | Da: Redazione

In vista della imminente campagna elettorale, ecco l’ultima stesura del programma del PD “Una nuova legge quadro sull’immigrazione e sul diritto d’asilo”.

Questo lavoro è frutto di un impegno collettivo che ci ha visti protagonosti in questi anni insieme alle maggiori realtà che si occupano di questi temi a livello nazionale.

La legge quadro del Pd sugli immigrati

Livia Turco

Elezioni. Il Pd candida i “nuovi italiani”

17 Dicembre, 2012 (19:57) | Documenti | Da: Redazione

La direzione nazionale del Partito Democratico ha approvato un ordine del giorno del Forum immigrazione per aprire le liste elettorali a sempre più “nuovi italiani”.

Ecco il testo dell’Odg:

In questi ultimi anni si è sviluppato nel nostro paese un ampio movimento, articolato e plurale, che ha posto al centro dell’opinione pubblica il riconoscimento della cittadinanza per i figli degli immigrati che nascono e crescono in Italia.
Il PD è stato promotore e protagonista importante di tale campagna, ha condotto una forte e coerente battaglia in parlamento. Il segretario Bersani con coerenza e determinazione ha indicato la riforma della legge sulla cittadinanza per i figli degli immigrati quale primo atto del suo governo.
Tale movimento ha coinvolto l’opinione pubblica ed ha contribuito a creare un clima aperto e positivo verso gli immigrati. D’altra parte la loro presenza è diventata una componente strutturale e profondamente integrata nel nostro paese. Sempre più gli immigrati stanno diventando “nuovi italiani” che partecipano attivamente alla vita sociale, culturale e politica del nostro paese. Per questo è diventato maturo per il bene del nostro paese, per le sue prospettive di crescita e sviluppo e per realizzare un effettivo e profondo rinnovamento delle classi dirigenti avere una rappresentanza di immigrati eletta in Parlamento.
Il PD vuole mettersi alla testa di questo rinnovamento ed in coerenza con le sue scelte politiche e culturali di apertura all’Europa ed al mondo, di giustizia sociale e di rinnovamento profondo della politica si impegna ad eleggere nel prossimo parlamento giovani, donne e uomini “nuovi italiani”.

Livia Turco
Marco Pacciotti
J.L. Touadì

Ratificare subito convenzione Ilo per lavoratori domestici

28 Novembre, 2012 (18:42) | Documenti | Da: Redazione

“Chiediamo al governo di promuovere urgentemente ogni iniziativa utile a pervenire, entro la fine della legislatura, alla ratifica della “Convenzione sul lavoro dignitoso per le lavoratrici e i lavoratori domestici del 2011”. Si tratta della convenzione C189 adottata dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO)”. E’ quanto si legge nel testo di una mozione depositata dall’on. Livia Turco, responsabile Immigrazione del PD.

“Ad oggi l’Italia non ha ancora proceduto alla ratifica di questa Convenzione nonostante i numerosi solleciti promossi dalle associazioni e dalle rappresentanze sindacali.
Queste nuove norme prevedono delle misure speciali volte a proteggere i lavoratori che a causa della giovane età, della nazionalità o delle condizioni di alloggio possono essere esposti a rischi aggiuntivi rispetto agli altri lavoratori.

In Italia, l’estrema frammentazione del settore domestico e le sue particolari caratteristiche  rendono difficili la rappresentanza dei lavoratori e delle lavoratrici e la maggior parte delle volte il contatto con il sindacato avviene unicamente nella fase di chiusura del rapporto di lavoro.

Si valuta che il lavoro sommerso, nel nostro Paese, pesi per almeno il 40% della forza lavoro. Da qui, la necessità di promuovere degli strumenti di emersione del lavoro nero, potenziando la sensibilizzazione delle lavoratrici, la lotta agli abusi e discriminazioni e l’emersione delle condizioni di irregolarità.

E’ quindi vitale, soprattutto in una società che invecchia coma la nostra, prevedere un’azione di informazione capillare sui diritti di queste persone, attraverso anche la collaborazione con le associazioni e le comunità straniere.
L’Italia si attivi quindi per tutelare e proteggere questa categoria di lavoratori, una platea di circa 1,5 milione di persone”.

La mozione di Livia Turco